top of page
Diploma "Acqua, nuovo spazio di risorse e conflitti geopolitici"

Diploma "Acqua, nuovo spazio di risorse e conflitti geopolitici"

Sulla base delle recensioni, la valutazione è 0.0 su cinque stelle

La sua scarsità rende l'Acqua una risorsa estremamente contesa dagli Stati e generatrice di conflittiI fondali marini nascondono giacimenti di gas e risorse minerarie, custodiscono cavi sottomarini e condotte energetiche, le masse d’acqua forniscono risorse ittiche fondamentali.

 

Questo Diploma cerca, attraverso i tre corsi che lo compongono, di sviscerare gli aspetti più connessi alla geopolitica, muovendo dai conflitti per le risorse alla “nuova frontiera” contesa – Artide e Antartide – alla necessità di porre attenzione alla logistica e alla maritime intelligence.

 

Il Mediterraneo continua ad avere un ruolo centrale seppur non esclusivo nei destini dei popoli: in esso confluiscono ancora molte rotte commerciali e i suoi fondali alimentano il c.d. “Sea of Gas”. La Via della Seta non è tramontata tra le priorità di Pechino nonostante il rallentamento imposto dalla pandemia da Covid-19; Stretti e Canali  - la cui chiusura potrebbe comportare squilibri economici e geopolitici di portata globale  - sono costantemente al centro dei notiziari così come le dispute della Cina con i propri vicini per il controllo dei fiumi internazionali, per ampliare la propria sovranità sul Mar Cinese, per la contrapposizione con Taiwan.

 

I nuovi spazi di proiezione geopolitica di tutte le grandi Potenze sono però ormai indiscutibilmente Artide e Antartide, che ingabbiano sotto i loro ghiacci circa l’80% delle risorse mondiali, sia energetiche che minerarie. Il disgelo ha reso più facilmente accessibili queste risorse e maggiormente navigabili delle vie d’acqua un tempo non percorribili: si pianificano nuove rotte, commerciali e non solo, riaccendendo dispute territoriali latenti e generandone di nuove, anche nella proiezione antartica di Cile e Argentina.

 

I ribelli Houti che dallo Yemen attaccano le navi di passaggio attraverso Bab el-Mandeb ci ricordano quanto ci aveva già sottolineato, nel 2021, l’incidente della portacontainer Ever Given, che aveva impedito per giorni il transito delle navi attraverso il Canale di Suez: la logistica globale è strettamente interconnessa, se uno snodo “salta” compromette gli altri in un effetto domino che potrebbe rivelarsi positivo o negativo a seconda dei casi, ma che a ogni modo genera una compromissione degli equilibri esistenti.

 

Le basi della logistica devono pertanto essere note a un analista di geopolitica e al contempo è fondamentale analizzare tali nozioni alla luce delle tante variabili geopolitiche: il mare presenta grandi sfide da affrontare, e per analizzarle non si può prescindere dai fondamenti dell’intelligence marittima, un settore tra l'altro in continuo sviluppo e protagonista del prossimo futuro, soprattutto in un Paese come l'Italia che nel dominio marittimo costruisce gran parte della propria identità.

 

Docenti: C. Candelmo, I. PiccoloP. A. Gemelli; G. Luraschi ; L. Semerari, tdb, tdb

  • Requisiti: l’iscrizione non richiede una conoscenza pregressa dell’argomento

    Livello di approfondimento: medio

    Durata: il diploma si compone di 78h (48h di didattica e 30h per lo studio individuale e il sostenimento delle verifiche).

     

    Attestato di partecipazione e Diploma:

    - al termine di ciascun corso verrà somministrato un quiz, al superamento del quale sarà rilasciato un attestato di partecipazione;

    per conseguire il Diploma sarà invece necessario consegnare un elaborato finale (un'analisi nella quale si dovranno utilizzare una delle tecniche apprese durante la frequenza dei corsi, declinata sull'ambito tematico del diploma di riferimento) la cui idoneità al rilascio del Diploma verrà valutata dai docenti della Scuola.

     

    CFU AIAIG:  24 (adatto ai livelli di attestazione A1-A2-B)

816,00 €Prezzo
Non ci sono ancora recensioniDicci cosa ne pensi. Lascia una recensione prima degli altri.
bottom of page